martedì 22 agosto 2017

Leòn (1994)



Questo mese ho avuto poco tempo per seguire e soprattutto aggiornare il blog; già da qualche settimana è pronta la recensione per la Notte Horror dei blogger, ma poi tra impegni famigliari e meritate vacanze non ho avuto modo di mettermi al computer per scrivere altro, per cui, giusto per tenere viva la mia creatura, ripropongo una vecchia recensione...:




Al suo esordio hollywoodiano, Luc Besson dirige quello che è probabilmente il suo miglior film. "Léon" è un noir moderno, un film duro e tragico che racconta la storia di un amore impossibile, tra un sicario, e un ragazzina di dodici anni; lui è Léon (Jean Reno) un killer tanto spietato e preciso nel suo lavoro (la cui regola principale è "niente donne, niente bambini"), quanto ingenuo e di animo docile nella vita di tutti i giorni; lei è Mathilda (Natalie Portman), fuma sigarette di nascosto, odia la sua famiglia a parte il fratellino più piccolo al quale è molto affezionata, si dimostra piuttosto precoce e determinata a dispetto della giovane età.


Quando dei poliziotti corrotti le sterminano la famiglia, lei trova rifugio nell'appartamento di Léon, a cui chiede aiuto per vendicare la morte dell'amato fratellino. Inizialmente lui si rifiuta, ma in seguito, conquistato dalla determinatezza della bambina, la aiuta nel suo intento. Nel frattempo tra i due nasce un tenero rapporto di simbiosi in cui lui, le insegna i segreti del suo mestiere; lei invece, risveglia quell'umanità e quell'amore che l'uomo aveva da tempo soppresso. 


Il film si sviluppa così tra violente sparatorie e delicati momenti di serenità e giocosità, tra azione e buoni sentimenti, in un mix che funziona perfettamente, grazie ad un'ottima sceneggiatura e a degli interpreti superbi, a cui, oltre ai già citati Reno e Portman, va aggiunto un fantastico Gary Oldman, che qui interpreta la parte del poliziotto corrotto e drogato.


10 commenti:

  1. E' un film che non smetterei mai di guardare, lo adoro! :)

    RispondiElimina
  2. Se non fosse un nome svalutato, a volte penso che se mai dovessi avere una figlia, la chiamerei Mathilda. Giusto per dare l'idea di quanto mi piaccia questo filmetto ;-) Grande Bro tra un po' vengo a romperti le balle per Notte Horror. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe effettivamente un bel nome...Fossero tutti così i "filmetti"...

      Elimina
  3. Un grande classico con una coppia dalla chimica strepitosa. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una delle coppie più strane, ma più azzeccate della storia del cinema

      Elimina
  4. l'immortalità cinematografica esiste
    punto

    RispondiElimina
  5. Un grande piccolo cult, la prima eccezionale volta di quando vidi lei ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magnifica Portman, che fortunatamente è riuscita a mantenere le promesse...

      Elimina