venerdì 30 marzo 2018

Una pazza giornata di vacanza (1986)

In questi giorni non ho avuto molto tempo per pensare e scrivere un nuovo post, ma non volendo stare tanto tempo senza aggiornare il blog riporto, come ho già fatto in passato, una mia vecchia recensione, in attesa di qualcosa di nuovo nelle prossime settimane. Un saluto a tutti e Buona Pasqua!



Ferris Bueller è un diciottenne come tanti, con molti amici e poca voglia di studiare. Un giorno decide di prendersi l'ennesima vacanza da scuola fingendosi malato; i genitori, che lo adorano, non possono non credergli, anzi sono quasi dispiaciuti per doverlo lasciare a casa da solo, mentre loro vanno al lavoro. Appena però il ragazzo rimane solo darà vita ad una bella vacanza a Chicago, coinvolgendo la sua fidanzata Sloane, e l'amico ipocondriaco Cameron, che convincerà anche a "prendere in prestito" la Ferrari, dell'odiato padre. 



In città i tre amici passeranno una giornata indimenticabile, riuscendo anche a tornare a casa in tempo per non far scoprire l'inganno, nonostante i continui interventi dell'odioso preside e dell'invidiosa sorella di Ferris. John Hughes ci sapeva decisamente fare con la commedia giovanilistica, inquadrando molto bene la natura degli adolescenti anni 80, senza però volgarità o banalità. E questo film non fa eccezione. "Una pazza giornata di vacanza" fa parte di quel movimento di commedie denominato "Brat Pack", anche se mancano alcuni degli attori feticcio di Hughes, che di quel movimento erano veri e propri esponenti, ed è un film completamente pop, che trasuda lo spirito anni 80 da ogni poro.



Una commedia semplice ed allegra, ricca di momenti divertenti, grazie alle trovate di Ferris per non farsi beccare a "fare sega", con elementi tipici della cinematografia hughesiana, come il tema del viaggio o la bellissima sequenza ballata sulle note di Twist & Shout.



Alla fine però il film si rivela per quello che è; una metafora sul passaggio dall'adolescenza all'età adulta, e questo si capisce sia dal finale, quando Cameron decide di voler affrontare il padre, sia dalla sequenza in piscina, quando Ferris, rivolto direttamente al pubblico facendo uso della tecnica Camera Lock (cosa che farà praticamente per tutto il film), spiega che dall'anno seguente i due amici dovranno separarsi per seguire ognuno la sua strada. Insomma un piccolo cult movie generazionale.



9 commenti:

  1. E ultimamente stracitato: Deadpool, Spider-Man Homecoming..non ricordo se l'ho mai visto, potrebbe anche essere ma tempo fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di recuperarlo, un vero cult degli anni 80

      Elimina
  2. Per anni non ho dato il giusto peso ai film di John Hughes, in realtà quando lì ho scoperti, mi sono piaciuti un sacco, hanno avuto un’enorme capacità di influenzare la cultura popolare (il mio esimio collega qui sopra ha fatto due ottimi esempi recenti), questo in particolare è uno dei miei preferiti, ha un gran ritmo, ha un solo difetto, ogni volta che lo rivedo, mi viene pure voglia di rivedermi “Non per soldi... ma per amore” di Cameron Crowe. Non so bene il perché, nella mia testa (malata) questi due film vanno a braccetto ;-) In ogni caso ottimo post Bro, tanti auguri di buona pasqua! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. John Hughes era un ottimo regista...riusciva a dirigere commedie dirette ad un pubblico giovane senza essere banale o volgare, anzi con intelligenza e ironia...ed effettivamente Cameron Crowe gli assomiglia un po' come stile...

      Elimina
  3. Beh sì, un bel piccolo cult da riscoprire ;)
    In ogni caso Buona Pasqua anche a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da riscoprire come tutti i film di Hughes...;)

      Elimina
  4. Qui trovo sempre segnalazione di film 'old' interessanti. Se non sbaglio di Hughes ebbero una buona popolarità, anche a livello di distribuzione cinematografica, "Io e zio Buck" e "Una piccola canaglia".

    Buona Pasqua anche a te :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto...per essere precisi il titolo corretto era "Una tenera canaglia"...Ma tutti i film di Hughes meriterebbero una citazione come: "Breakfast Club", "Un compleanno da ricordare", "Un biglietto in due" e molti altri...

      Elimina
  5. Bellissimo!
    Mi ricorda i pomeriggi estivi, visto che spesso lo facevano nel primo pomeriggio.
    Era un appuntamento di quasi ogni estate.

    RispondiElimina