giovedì 31 ottobre 2019

Geek League - Hallowgeek: Dylan Dog - Sette anime dannate

L'anno scorso la Geek League si era riunita ad Halloween per parlare di quegli episodi di serie tv, dedicati appunto alla festa più spaventosa dell'anno.
Quest'anno abbiamo invece deciso di dedicare le nostre recensioni al mondo dei fumetti, ma non avendo trovato nulla di ambientato durante la notte di Halloween, sono comunque rimasto nel mondo dell'horror andando a ripescare un vecchio albo dell'Indagatore dell'incubo.
L'albo di cui andrò a parlare è "Sette anime dannate".




"Sette anime dannate" è uscito la prima volta come speciale n°6 nel luglio 1992 e poi più volte ristampato in vari formati, a cui era allegato un volumetto con un avventura completamente dedicata a Groucho, amico e assistente di Dylan Dog.
Soggetto e sceneggiatura sono del papà di Dylan, Tiziano Sclavi, mentre i disegni sono del grandissimo Corrado Roi e ciò fà di questo, uno degli albi più belli tra tutti quelli di Dylan Dog.



La trama è presto detta: Dylan e altri sei personaggi sono invitati da un misterioso anfitrione a Xanador, un'oscura e isolata magione. Ad accogliere gli ospiti però non c'è nessuno, fatta eccezione per alcune marionette manovrate da sottili fili che paiono perdersi nel nulla. Ben presto i sette sventurati che sono stati invitati lì in quanto rappresentanti dei sette vizi capitali e perciò essere puniti e morire.



La storia si rifà direttamente al romanzo di Agatha Christie, "Dieci piccoli indiani" qui tradotto come nell'originale "Ten little niggers" (Dieci piccoli negretti), ma Tiziano Sclavi è un autore tutt'altro che banale e intreccia tematiche tipicamente gialle ad atmosfere horror-gotiche, con punte di commedia nera che affronta con il cinismo proprio di Sclavi, questioni profonde quali la dualità dell'animo umano e le sue debolezze. Ma se da un lato questa duplicità pare ben delineata, almeno dal punto di vista del misterioso padrone di casa, dall'altro bene e male, odio e amore, sesso e morte sono separate da un filo sottile e spesso le due cose si mescolano e sovrappongono.



Questo pensiero è una costante del "primo" Dylan Dog e infatti il suo autore gli fa dire "...da laico, non ho mai considerato, né questa né gli altri, dei peccati...solo comprensibili debolezze umane".
Oltre ad Agatha Christie, Sclavi si diverte a seminare per la storia varie citazioni letterarie e cinematografiche che vanno dall'avaro Scrooge de "Il canto di Natale" di Dickens all'esplosione dell'uomo obeso, riferimento al signor Cresote de "Monty Python - Il senso della vita", passando per rimandi alla Bibbia e al cinema horror classico.
Inoltre l'autore è riuscito ad anticipare di ben tre anni un film come "Seven" con una tematica molto simile.



Come detto a coadiuvare il buon Tiziano, ai disegni troviamo Corrado Roi che qui firma quello che è forse il suo capolavoro; del resto i suoi tratti paiono perfetti per le ambientazioni gotiche della storia.
Le sue figure slanciate, assieme alle strutture vertiginose e assurde del castello, sono tipiche del cinema espressionista tedesco, così come la costruzione dei corridoi, con i suoi giochi di luce e i suoi angoli bui, conferiscono alla magione il ruolo di personaggio, che con la sua malvagità insita in se stessa, ricorda le numerose case stregate del cinema horror di ogni tempo e in particolare di quello degli anni '50 e '60 come "Gli invasati " o "La casa sulla scogliera".
Tuttavia, Roi se la cava bene anche nei momenti più propriamente splatter, con tavole e disegni espliciti, che non lasciano molto spazio a fantasie.



Insomma "Sette anime dannate" è uno di quegli albi che riesce a coniugare alla perfezione storia, sceneggiatura, personaggi e disegni, uno di quegli albi che rimarranno a lungo nella mente e nel cuore dei lettori, grazie anche ad un protagonista forte e fragile contemporaneamente, forse un po' ipocrita, ma che è convinto delle sue idee e fedele ai suoi principi, tanto da non aver paura di sputare in faccia ad un angelo.

Qui di seguito i post degli amici per la Hallogeek:


19 commenti:

  1. Un grande Speciale di DYD con un finale veramente a sorpresa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, una delle storia migliori di Dylan Dog di tutti i tempi...

      Elimina
  2. Non ho mai amato dylan dog, ma in effetti ricordo questo speciale come una delle storie migliori tra quelle che ho letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente l'origine letteraria della storia lo rende ancora più interessante

      Elimina
  3. Un capolavoro a fumetti! Ce l'ho originale (ma senza albetto) recuperato nella mia unica incursione al Napoli Comicon, assieme a "Mefistofele" e "La casa degli uomini perduti".
    Bravo Sclavi che ha saputo riscrivere una trama forse un po' abusata nel cinema come nella narrativa e nei fumetti; superlativo Roi, anche se la versione a colori di questa storia per me è inguardabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La casa degli uomini perduti" è un piccolo gioiello...Concordo in pieno su quello che dici di Sclavi...

      Elimina
  4. Non l'ho letto, anche perché il Dylan vecchia maniera non mi fa impazzire, ma cavoli quanto è bravo Roi!
    La storia potrebbe essere carina, anche se molto classica, ma spero che ci sia qualche guizzo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sclavi non tradisce mai e Roi era semplicemente perfetto per questa storia al pari di solo Montanari e Grassani (vedi la doppia storia "Il castello della paura" e "La dama in nero")

      Elimina
  5. Devo recuperarlo assolutamente, amo lo stile di Roi!

    RispondiElimina
  6. Lo lessi a suo tempo, ma non lo ricordo.
    Dovrei rileggerlo, anche perché da qualche parte ce l'ho.
    Il tratto di Roi è fantastico, forse il più adatto a Dyd, sempre così evanescente e con qui dettagli "filiformi".
    La completezza dei primi Dyd, la loro pienezza e ricchezza, è ormai un grande ricordo...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roi ottimo interprete per Dylan Dog, in squadra sin dagli esordi, ma sinceramente il disegnatore secondo me nato per disegnare Dylan Dog è Casertano.

      Elimina
    2. Casertano piace molto anche a me; il mio preferito è però Claudio Castellini, ma credo che abbia disegnato solo due storie per DYD

      Elimina
  7. Mica mi ricordo se l'ho letto... compravo la Collezione Super Book, che ristampava questi speciali ma non sono certo di essere arrivato a questo speciale.
    10 piccoli negretti oggi è assolutamente vietato e non lo dico con piacere dato che odio il politicamente corretto.
    Comunque ammazza quante citazioni/omaggi... mi hai fatto venire voglia di leggerlo o rileggerlo solo per scovarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente i tempi sono diversi; oggi la parola "negro" ha assunto un valore negativo, dispregiativo...Anch'io odio il politicaly correct e fosse per me avrei tenuto il titolo originale, ma sai le polemiche poi...

      Elimina
  8. Ricordo la copertina, credo sia tra gli albi di mio fratello, forse l’ho anche letto... devo assolutamente controllare perché ora sono curioso!

    RispondiElimina
  9. Ma ad uno che non ha mai letto nulla di Dylan e vorrebbe approcciarsi a qualcosa, oltre a questo numero quale altro consiglieresti?
    Nel circuito dell'usato mi imbatto spesso in vecchi numeri della serie e vorrei leggerne per curiosità qualcuno.

    RispondiElimina
  10. ROI è un uno dei disegnatori più adatti e bravi di Dylan Dog (assieme al già citato Castellini).
    Ma l'albo più bello, particolare e profondo è "Storia di Nessuno".
    Ciao

    RispondiElimina
  11. Easy "water hack" burns 2 lbs OVERNIGHT

    Over 160 thousand women and men are trying a easy and secret "liquid hack" to drop 1-2lbs each night as they sleep.

    It's simple and works with everybody.

    Here's how to do it yourself:

    1) Get a clear glass and fill it up with water half full

    2) Now use this awesome HACK

    so you'll be 1-2lbs skinnier in the morning!

    RispondiElimina