venerdì 2 febbraio 2018

Autopsy (2016)

In una cittadina della Virginia, all'interno di una casa dove è avvenuto un misterioso pluriomicidio, viene trovato sepolto il corpo di una ragazza sconosciuta. Per far luce su quel mistero, lo sceriffo porta il cadavere dal locale patologo chiedendogli di scoprire qualcosa entro la mattina successiva.
L'uomo, assieme al figlio che inizialmente era riluttante, comincia l'autopsia, ma ben presto i due si accorgeranno che quel corpo nasconde pericolosi segreti.





Che dire? "Autopsy" o meglio ancora "The autopsy of Jane Doe" (John Doe/Jane Doe è il nome con il quale vengono chiamati, in campo giuridico, le persone la cui identità è ignota o deve rimanere tale, e in particolare quando vengono ritrovati cadaveri non identificati) è un horror scritto e diretto benissimo per almeno cinquanta minuti e anche quando nell'ultima mezz'ora si allinea sull'horror più "convenzionale", non perde di interesse.



André Øvredal ("Troll Hunter") dirige il film in maniera chirurgica, asettica, quasi metaforizzando la trama dello stesso, senza soffermarsi per forza su particolari raccapriccianti, ma mantenendo piuttosto un distacco da "patologo" e concentrandosi di più sul mistero e sulle atmosfere.
Infatti per tutta la prima parte il film tiene incollati allo schermo, con un tensione sempre più crescente fino ad un climax, che se anche non mantiene tutte le promesse fatte fino a quel momento, riesce a portare a casa un buon risultato.




Sarà che, almeno in parte, la pellicola ha qualcosa di carpenteriano, sia nelle atmosfere che nell'uso della fotografia, che è appunto uno dei migliori pregi del film.
Buona è anche la sotto-trama famigliare, in cui emergono i caratteri dei due protagonisti principali, interpretati molto bene da Brian Cox ed Emile Hirsch, che sembrano trovarsi a loro agio nel ruolo di padre e figlio. A loro due, come co-protagonista va aggiunta l'esordiente Olwen Kelly, nella parte del cadavere Jane Doe.



Insomma, questo "Autopsy" si rivela essere un horror decisamente interessante, con una prima parte originale, che mette in scena una buona dose di tensione e qualche brivido autentico e che grazie alla totale mancanza di ironia, cosa fin troppo abusata in molti horror moderni, riesce a essere convincente anche quando la trama perde di audacia. Tra i migliori horror dell'anno.



8 commenti:

  1. Sono andato a leggermi la trama intera :D. Idea carina in effetti! Non è facile nel 2016 tirare fuori un soggetto originale. Comunque molto inquietante il primo screenshot, giustamente :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un idea abbastanza originale...Attendo una tua opinione quando lo vedrai

      Elimina
  2. La conclusione è un po' tirata per i capelli ma il film fa il suo porchissimo lavoro ed è uno dei pochi recenti ad avermi messo una fifa blu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo che il finale non è buono come il resto del film, ma comunque, nel suo complesso, la pellicola è molto valida

      Elimina
  3. Forse il film cambia un po’ direzione in corsa, ma per quasi tutta la sua durata tiene botta e soprattutto tiene lo spettatore sul filo, per altro è un film davvero vecchia scuola, come quelli che piacciono a noi, sono contento che tu lo abbia recuperato e che ne abbia scritto così bene! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so che per certi film abbiamo una visione abbastanza simile...e questo non fa eccezione ;)

      Elimina
  4. Già segnato, alla prima occasione lo vedo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo, poi aspetto la tua opinione :)

      Elimina