giovedì 8 febbraio 2018

Somnia (2016)

Cody è un bel bambino di otto anni, che dopo aver perso la madre (del padre non si sa nulla), viene dato in affidamento a varie famiglie, ma poi, ogni volta il bambino fa ritorno agli assistenti sociali, in seguito a diverse tragedie. Jessie e Mark sono una coppia che sta cercando di elaborare il lutto per la perdita del loro figlio Sean, annegato nella vasca da bagno e decidono di prendere in adozione il piccolo Cody. Presto si accorgeranno che i sogni del bambino diventano reali, ma non solo quelli...



Il sonno dovrebbe essere il posto più sicuro del mondo, un luogo di pace dove riposare dopo una giornata pesante, un'isola tranquilla dove ricaricarci e recuperare le energie e dove nulla può farci del male, nemmeno nel peggiore dei nostri incubi, infatti basta svegliarsi per sfuggire alle nostre paure inconsce, ma nel mondo del cinema si sa che le cose sono ben diverse.
Già nel 1984 infatti, Wes Craven aveva infranto questa barriera creando il personaggio di Freddy Krueger, l'uomo nero che uccide i ragazzi entrando nei loro sogni, cosicché anche quest'ultimo rifugio ha perso quell'alone di sicurezza che aveva sempre caratterizzato il mondo dei sogni.
Ma se nella saga di "Nightmare", il babau poteva esercitare il suo potere solo entrando nei sogni dei protagonisti, nel film di Flanagan sono i sogni del piccolo Cody a materializzarsi nella realtà e a interagire con le persone a lui vicine.



Dopo il successo di "Oculus - Il riflesso del male" (film a cui dovrò dare una seconda possibilità dato che la prima non mi aveva entusiasmato molto), Mike Flanagan si fa conoscere al grande pubblico e realizza questo "Somnia" ("Before I awake" nell'originale), sceneggiatura alla quale è più legato.
La pellicola, pur restando fedele ai dettami del cinema più commerciale, si avvicina a quegli horror moderni ("Babadook", "The Witch"...) di stampo più indipendente in cui il soggetto soprannaturale ha radici in paure e ossessioni decisamente più reali. Niente male per un regista che per lungo tempo, per paura, si è rifiutato di vedere film horror, ma compensando questa mancanza crescendo a pane e Stephen King.



Un altro elemento portante del film è la tematica dell'elaborazione del lutto.
Da una parte abbiamo Jessie,una donna che pur di poter rivedere e riabbracciare l'amato figlio, non esita a sfruttare il potere di un bimbo che invece dovrebbe solo amare e proteggere, arrivando al punto di drogarlo, pur di farlo dormire, nascondendosi poi dietro al suo, effettivo, bisogno di sonno. Dall'altra c'è Cody, un bambino che avendo subito lo shock della perdita della madre quando era ancora piccolo, ha elaborato il dolore dando vita e forma al "mostro" che si è portato via l'amata genitrice.



Il finale, seppur non del tutto consolatorio (per fortuna altrimenti avrebbe rovinato il valore del film), lascia comunque aperto ad possibile "happy end" o comunque ad un futuro migliore per i protagonisti.
Buono il disegno dei personaggi, in particolare quello di Jessie, che prima di evolversi in "farfalla" deve subire un doloroso percorso di metamorfosi, mostrando le sue debolezze e risultando anche egoista, nel suo desiderio di rivedere il figlio perduto, ma appunto per questo è anche il personaggio più empatico.
Assolutamente adorabile il piccolo Cody, (interpretato da Jacob Tremblay che abbiamo visto nel bellissimo "Room") forse eccessivamente buono, ma era quello che richiedeva il ruolo.



Concludendo si può dire che "Somnia" sia un buon film (che abbiamo rischiato di non vedere quando la casa di produzione ha fallito costringendo a posticiparne l'uscita), magari non eccezionale (sulla tematica dell'elaborazione del lutto ha fatto meglio "7 minuti dopo la mezzanotte"), ma che non delude, riuscendo nell'intento di tenere con il fiato sospeso in diverse sequenze e conquistando con l'autenticità dei suoi protagonisti. E ancora grazie alla Midnight Factory che ha curato l'uscita in home-video

9 commenti:

  1. "7 minuti dopo la mezzanotte" gioca in un altro campionato, non mi ha proprio fatto impazzire questo “Somnia” la parte favolista è un po’ scappata di mano a Mike Flanagan, però ti aspettavo su questo film, è uno di quei titoli che è un casino nelle tue corde ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, concordo che "7 minuti dopo la mezzanotte" è tutt'altra cosa, ma credo che sia dovuto soprattutto a Bayona, che ha un background che manca a Flanagan...Tutto sommato però a me è piaciuto anche questo...un dramma/horror/fantastico che sa catturare...

      Elimina
  2. Domanda chiave, a Jump Scare come siamo messi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi permetto di risponderti io: poca roba, ci sono film recenti che fanno molta ma molta più paura.

      Però è una bellissima favola nera, un po' sul genere de La madre ma per me più riuscito, una visione la merita di sicuro anche perché Flanaghan è bravo!

      Elimina
    2. Esatto, jump scare non ce ne sono molti, ma il bello del film sta nelle atmosfere e nei personaggi

      Elimina
  3. Peccato solo per quei inguardabili capelli di Thomas Jane, perché il film, che è piaciuto molto anche a me, è davvero bello e tanto affascinante, una bellissima favola nera che riesce non solo ad inquietare un po' ma anche ad emozionare, anche perché proprio bravo e Jacob Tremblay ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel ragazzino è davvero talentuoso, oltre ad avere un visino adorabile...Speriamo mantenga le promesse e non si perda come hanno fatto tanti suoi colleghi...

      Elimina
  4. L'ho visto e lo avevo rimosso.
    Strano, perché ricordo che tutto sommato non mi era dispiaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora hai l'occasione di recuperarlo...;)

      Elimina