mercoledì 19 febbraio 2020

I telefilm dimenticati (5) - La Gang degli Orsi

Il baseball è lo sport nazionale americano ed è stato al centro di diverse trame cinematografiche. Tra i numerosi titoli, uno dei più popolari è stato Che botte se incontri gli "Orsi" (The Bad News Bears) del 1976 che aveva come protagonisti Walter Matthau e Tatum O'Neal.
Il film racconta dell'ex giocatore Morris Buttermaker (Matthau), che diventato un allenatore alcolizzato, viene reclutato per addestrare una squadra della lega giovanile, ma soltanto quando nel club entrerà a far parte la lanciatrice Amanda Whurlizer (Tatum O'Neal), la scapestrata squadra comincerà a vincere partita dopo partita.




Grazie al successo della pellicola, verranno realizzati due sequel di minor successo (Gli Orsi interrompono gli allenamenti e Gli Orsi vanno in Giappone) e nel 1979 di una serie tv.
Nel ruolo che fu di Matthau c'è Jack Warden, che qui diventa un ex addetto alle pulizie di una piscina, che per evitare la prigione accetta di allenare la mal assortita squadra di baseball degli Orsi.



La Gang degli Orsi fu prodotta dalla CBS per un totale di 26 episodi, di cui 23 della prima stagione e tre della seconda, poi interrotta a causa dei bassi ascolti. Ciò fu dovuto sia per una trama meno avvincente rispetto al film e più incentrata sulla commedia che sugli aspetti drammatici, sia per il continuo cambio di orari nel palinsesto televisivo.



La serie arrivò per un breve periodo anche in Italia nel 1980, trasmessa in emittenti locali.
Tra il cast, nel ruolo del piccolo Regi, c'era Corey Feldman, futura star di film per ragazzi come I Goonies, I Gremlins, Stand by me e molti altri.
Altra cosa da segnalare è che come sigla del telefilm è stata usata l'aria Toreador de La Carmen di Bizet.

Fonti: Wikipedia e Serietv draconia

16 commenti:

  1. Mi è familiare il titolo, tuttavia credo di non aver mai visto, il baseball poi io non l'ho mai capito..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, beh il titolo è piuttosto noto, poi ci sta che si possa non aver mai visto un solo episodio o film della "saga"...Soprattutto se non si ama il baseball

      Elimina
  2. Io credo di non averlo mai visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da noi lo trasmettevano su Tele Padova, che poi è entrata a far parte del circuito di 7Gold...

      Elimina
  3. Questi film e telefilm proprio non li ho mai né visti né sentiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari eri interessato ad altro...

      Elimina
    2. Più probabile che non mi sia mai capitata davanti: dici che è stata trasmessa sulle tv locali, e in famiglia nei primi anni 80 avevamo un televisore che aveva Rai 1 fisso e l'altro canale sintonizzabile ma sempre fermo su Rai 2 essendo scomodo cercare altri.

      Elimina
  4. Ero bambino ma mi ricordo perfettamente da appassionato di baseball. Mi piacerebbe moltissimo rivederli ma come posso fare ? Ho scritto a Italia 1 (emittente che mise in onda negli anni '80) ma manco mi hanno risposto... In rete sono pressocchè introvabili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei come aiutarti... Io ricordo che lo vedevo su 7Gold...

      Elimina
    2. Ciao
      Io sono riuscito a trovare alcuni episodi in inglese su Dailymotion

      Elimina
  5. La ricordo benissimo, la vedevo quand'ero bambino. Non è niente di particolare, ma è legata a bei ricordi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era una serie memorabile, ma era simpatica...

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Anche io la ricordo benissimo. La davano su Italia 1 come primo telefilm della mattina dopo i cartoni. La vedevo quando non andavo a scuola (si parla di fine anni 80).
    Leggo solo ora che sono stati realizzati a malapena 26 episodi. E dire che sembra di averlo visto per mesi e mesi. =)

    RispondiElimina
  8. Se c’è un motivo per cui io ho amato moltissimo questo telefilm da bambino, è sicuramente perché i piccoli protagonisti non erano i soliti ragazzini di buona famiglia, con voti super e magari dotati di super poteri da usare contro il cattivo di turno.
    In quel gruppo di bimbi goffi e disadattati, fragili e pieni di difetti, chiunque poteva identificarsi.
    La scelta di Jack Warden nei panni dell’allenatore Morris Buttermaker è stata azzeccatissima: un burbero allenatore e manutentore di piscine, che per evitare il carcere accetta (controvoglia)di allenare questi bambini.
    Rivedere il telefilm oggi fa uno strano effetto: la sceneggiatura ha il fiato corto, le trame dei singoli sono un po’ banalotte.
    Cosa è successo? Secondo me, il telefilm ha pagato pegno per il fatto di essere ideata oltre quarant’anni, destinata ad un pubblico molto bigotto come quello americano, per di più in trasmesso in prima serata. Tutto ciò ha contribuito a rendere quasi caricaturali i personaggi dei piccoli attori: il bimbo grassotello è sempre col panino in mano, quello con gli occhiali ovviamente è un secchione e annoia tutti con le sue statistiche sportive; Tanner “il bullo” ha un’andatura ridicola è una parlata da “piccolo boss.”
    Io sono continto che se questa serie l’avessero ideata oggi, in cui in tv si vede di tutto; avremmo visto una “Gang degli Orsi” più spontanea e verace, sicuramente più fedele al film del 1976 con Walter Matthau. Una pellicola in cui il sempre alcolizzato allenatore riusciva a capire questi ragazzini ed a sostenerli non solo sul campo da gioco, ma anche nella vita. Perché? …Sicuramente perché il burbero allenatore era lui stesso infondo era un disadattato! Ecco il telefilm dove ha toppato: ha impedito ai personaggi di esprimere “realmente” se stessi.


    RispondiElimina